TRENI DI LUSSO: IL TRANSCANTABRICO CLASICO - Cosa vedere

Santiago De Compostela

Santiago De Compostela

8 giorni 7 notti

Bilbao

Bilbao

8 giorni 7 notti

 

TRENI DI LUSSO: IL TRANSCANTABRICO CLASICO - CODICE ITINERARIO: YD3ESS211

LEON

León, conserva un’interessante eredità romanica, gotica e rinascimentale legata al periodo di splendore, vissuto durante il Medioevo.  Oltre che per i palazzi, le case nobiliari, i monumenti, le piazze ed i musei, Leon vanta di un paesaggio naturale incredibile, con il Parco Nazionale dei Picos de Europa, l’ambiente di Las Médulas, un paesaggio di miniere a cielo aperto (Patrimonio dell’Umanità) e la stazione sciistica di San Isidro. Nel Parco Nazionale dei Picos d’Europa, si può ammirare la più bella manifestazione di boschi atlantici della Spagna, con roveri, aceri, castagni e noci. Altrettanto ricca è la fauna, con esemplari come il capriolo, il lupo, l’orso, e diversi uccelli tra cui il gallo cedrone. Tutto ciò, ha permesso al parco di ottenere il titolo di riserva della Biosfera da parte dell’UNESCO. Inoltre, il turismo è ricco grazie alla gastronomia dove predominano le carni stagionate come il famoso botillo del Bierzo accompagnato da vini con denominazione d’origine. Il centro della città è Palaza Mayor, attraversata dal fiume Bernesga. Qui sorge il Palazzo Comunale, chiamato il Balcón de la Ciudad (Balcone della Città), perché dai suoi balconi, si contemplava lo svolgersi delle attività cittadine. Nelle vicinanze si trova il quartiere di San Martin con palazzi e case nobiliari come la Casa delle Carnicerías e il Palazzo del Conte Luna. Tra i monumenti, il vero capolavoro gotico è la Cattedrale di Leon, ispirata allo stile delle cattedrali francesi. Accanto alla Real Basilica di Sant’Isidoro, una chiesa romanica, si trova il Panteon reale di Leon. Per gli appassionati d’arte, merita di essere visitata la Casa Botines, ovvero un opera d’Antonio Gaudí, dallo stile neoclassico, con una pianta trapezoidale, con quattro torri che terminano in pinnacoli. Tra i musei, quelli interessanti sono: il Museo di León, nella Piazza di Santo Domingo, dove si ripercorre la storia di tutta la provincia; il Museo della Real Colegiata de San Isidoro, dove si trova il pantheon dei re, con bellissime opere esposte; il Museo Catedralicio Diocesano de León, che si trova all’interno della cattedrale di León; il Museo de Arte Contemporáneo de Arte de Castilla y León; ed il Museo Sierra-Pambley.

 

SANTIAGO DE COMPOSTELA

Santiago di Compostela è la città più mistica della Spagna, conosciuta in tutto il mondo, anche come meta per il pellegrinaggio, per il famoso Cammino. La basilica, anche chiamata Cattedrale Metropolitana di San Giacomo di Compostela è la chiesa più importante dell’arcidiocesi di Santiago, costruita in stile barocco, è uno dei più rilevanti santuari al mondo. La torre di destra viene chiamata la Torre della Campana in cui si trova la statua di Santa Maria Salomè (la madre di Giacomo), mentre ovviamente nella torre sinistra (Torre de la Carraca) giace la statua di Zebedeo, il padre. Il noto Portico de la Gloria, visibile appena all’interno della cattedrale, è un capolavoro dell’arte romanica. Al centro della cattedrale si trova La Capilla Mayor (presbiterio) in cui è visibile un altare maggiore con un baldacchino entrambi in stile barocco. Le piazze da ammirare in città sono Praza do Obradoiro e Praza da Quintana, dove è possibile visitare la Casa del Cabido, la Casa da Conga e la Casa della Parra, la Chiesa di San Martino, quella di San Miguel e il Monastero di San Francisco e San Martino. Interessanti anche il Museo delle Peregrinazioni e quello del popolo galiziano. Per chi invece ha voglia di dedicarsi allo shopping, conviene passeggiare in Rua das Orfas e Praza do Toral. Per quanto riguarda il pellegrinaggio, il 23 ottobre del 1987, il Consiglio d’Europa ha riconosciuto l’importanza culturale del percorso religioso dei pellegrini e lo dichiarò “itinerario culturale europeo” donando anche alcuni fondi europei in modo che il cammino fosse adeguatamente tracciato. Il percorso è segnato con la classica Concha amarilla ovvero conchiglia gialla, o in alternativa con una freccia. Normalmente le tappe del percorso sono ogni 25 km e nonostante si consigli di seguire la strada a piedi per percepire lo spirito di meditazione, è possibile anche percorrerle in bicicletta.

 

BILBAO

Bilbao rientra tra le città della Spagna, più stimolanti ed affascinanti da visitare. Più intima, raccolta e facile da visitare, è una meta turistica che potrebbe far invidia ad altre più gettonate. La zona più moderna è quella del fiume Nervion, dove è possibile passeggiare e dove potrete visitare il Centro Congressi e la Sala da Concerto del Palacio Euskalduna Jauregia: un vero paradiso per gli appassionati di architettura contemporanea e di arte. Accomodandovi nelle panchine, lungo il fiume Nervión, godrete di uno spettacolo natura, urbano e d’architettura, che di notte, con le luci che si riflettono sull’acqua, sarà ancora migliore. L’attrazione più famosa ed apprezzata è il Museo Guggenheim, la perla di Bilbao, che potrete trovare, attraversando la pittoresca passerella Zubi Zuri e il ponte di Santiago Calatrava. All’interno del museo sono esposte opere di pregio dei più importanti artisti del ‘900, come Klein, Andy Warhol, Pablo Picasso, Robert Rauschenberg, Clyfford Still e molti altri. Il palazzo che ospita il Guggeheim, è stato definito come “uno degli edifici più incredibili del nostro tempo”.  Il museo è un luogo iconico: le audaci forme del museo, la scultura del ragno gigante e il cagnolino gigante ricoperto di fiori sono probabilmente i luoghi più fotografati di tutta la città. Usciti da qui, non perdete la Funicolar Artxanda, la funicolare della città, che permette di ammirare tutta Bilbao dall’alto. Il quartiere più antico della città, Casco Viejo, nelle stradine che un tempo erano chiamate le Siete Calles, le sette strade, oggi si concentrano ristoranti, caffè, bar e locali notturni. L’aspetto così moderno, di questo quartiere, sembra stonare con il resto della città. In Plaza Nueva, non perdete il simbolo culinario della città, il pincho, costituito da una fetta di pane con sopra uno o più ingredienti, tenuto insieme da uno stuzzicadenti.

 

 

Prezzo indicativo a partire da 3.500 € A PERSONA
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy.
OK